News

Merlo all'opera a Campo Volo

13 maggio 2019
I telescopici Merlo sono scelti per l’allestimento e la logistica del concerto più grande d’Europa
 
Campovolo è ormai diventato un appuntamento importante per gli appassionati italiani di musica, tant’è che con oltre 165000 biglietti venduti detiene il record europeo in un singolo evento.
Anche l’edizione di quest’anno, che si terrà sabato 19 alle ore 20:30, si preannuncia ancora più spettacolare. Con oltre 150.000 biglietti già venduti Campovolo 3.0 rappresenta uno dei concerti più importanti mai realizzati in Italia. Per l’allestimento e la logistica di un evento di tali dimensioni gli organizzatori hanno scelto di rivolgersi al leader tecnologico e prestazionale nel mondo dei sollevatori telescopici: Merlo.
Un compito importante dove le caratteristiche uniche garantite dalle macchine Merlo , precisione, affidabilità e prestazioni, sono fondamentali per allestire le grandiose strutture e movimentare tutto il materiale necessario. Dalle strutture di supporto alle luci, dalle casse ai wc chimici. Da giorni i telescopici sono all’opera per trasportare il materiale ed allestire il grande palco e continueranno l’attività anche durante il concerto distribuendo bevande e cibo per le oltre 150.000 persone presenti all’evento.
 
Per questo saranno fondamentali sia la visibilità unica garantita dai telescopici Merlo che la loro proverbiale maneggevolezza. La nuova cabina, infatti, è la più ampia del mercato e consente una visibilità ottimale tutto attorno alla macchina consentendo di muoversi in sicurezza anche durante il concerto vicino agli spettatori. La trasmissione idrostatica Merlo consente inoltre di muoversi con fluidità e precisione anche in contesti difficili. Caratteristiche fondamentali quando si lavora in campo o in un cantiere, a maggior ragione dove ci sarà una grande concentrazione di persone con i mezzi che dovranno muoversi tra i vari punti di ristoro.
Dopo il Gran Premio di F1 di Monza ecco un altro importante evento dove Merlo è stato scelto come partner per i compiti più impegnativi. Una scelta che riconosce ancora una volta la leadership tecnologica e prestazionale dei telescopici del Gruppo che si esaltano proprio nelle sfide più difficili.
01.jpg
02.jpg
03.jpg