Evento

Un gran premio all’insegna del verde Merlo

04 settembre 2020
I telescopici Merlo protagonisti al Gp di Monza
Il Gran Premio di Monza è una tappa storica nel campionato di Formula 1, basti pensare che quest’anno si correrà l’edizione numero 91. 
Oltre alle Ferrari, c’è un altro marchio italiano che è presente ormai da molti anni, tanto da diventare quasi “di casa”. Stiamo parlando di Merlo e dei suoi sollevatori telescopici. Sono infatti ormai 25 anni che Merlo fornisce le sue macchine per le operazioni di soccorso e rimozione delle vetture danneggiate. Era il 1985 quando i nostri telescopici fecero la loro prima apparizione e da allora sono divenuti uno strumento imprescindibile per gli operatori di Monza, perché grazie alle dimensioni compatte ed alle loro tecnologie esclusive permettono di entrare rapidamente in azione e rimuovere i pericoli nel più breve tempo possibile. Questo fine settimana l'evento andrà purtroppo in scena a porte chiuse per via della pandemia di COVID-19, ma il Gruppo Merlo sarà presente con ben 17 telescopici impegnati come sempre a garantire la sicurezza con tempestività e precisione.
Le prestazioni esclusive garantite dai sollevatori Merlo li ha portati negli anni ad essere adottati anche in altri circuiti in giro per il Mondo, in Francia, in Canada, in Belgio e perfino a Dubai.
Il legame tra Merlo ed il mondo dei circuiti che è diventato talmente forte che spesso i telescopici Merlo vengono associati alle gare di Formula 1 ed anche chi non conosce per nulla il mondo dei sollevatori si ricorda di aver visto in azione le “macchine verdi”. Sono poi molti che azzardano un paragone molto lusinghiero, definendo Merlo come la Ferrari dei telescopici.
IMG-20200903-WA0017.jpg
IMG-20200903-WA0014.jpg
IMG-20200903-WA0021.jpg